Recensione monitor Eizo CS2420

Post con poche fotografie, complice anche il fatto che sto ancora aspettando la mia D750 in rientro dal cambio di sensore, mi sono dedicato a qualche prova e ad un po' si sano studio sulla cosiddetta "correzione del colore". Ma non divaghiamo, visto che col sensore spendevo "poco", mi sono detto: "Perchè non dotarci anche di un monitor serio, finalmente?". E la scelta non poteva che cadere su di una marca che è quasi una garanzia assoluta: EIZO. Il modello che ho scelto è quello base (se si può parlare di modelli base ovviamente...) e, più precisamente, del modello CS2420 citato nel titolo:
Ecco qui la meraviglia. Si tratta di un 24 pollici (più grande non ci stava sopra la mia scrivania...) che utilizzo in accoppiata al monitor di servizio del portatile. Inutile dire che non c'è storia tra queste due periferiche: il monito Eizo è di tipo "full RGB", è in grado cioè di visualizzare il 99% dello spettro colore Adobe RGB. Che cosa significa? Significa che, quando guardi le tue foto, riesci a visualizzare un numero di colori e sfumature spaventosamente superiore, rispetto ai modelli che coprono lo spazio colore sRGB. Citando un utente del rispettabilissimo forum JuzaPhoto: "E' assurdo spendere migliaia di euro per l'attrezzatura fotografica, se poi guardi e post produci gli scatti su monitor inadeguati". Sono sempre stato d'accordo con questa affermazione, ma dall'altra parte della bilancia c'erano i 630 euro circa del prezzo di vendita di questo pannello. Ora che lo sto usando da qualche tempo, posso assolutamente affermare che la differenza si vede, eccome! Il monitor arriva corredato di cd che contiene il software di calibrazione Color Navigator. Per chi, come me, era abituato ad utilizzare Display Cal per profilare il monitor, il programma di Eizo può sembrare anche troppo sbrigativo e semplice, facendo sospettare che non serva a nulla. Anche qui ho dovuto ricredermi! Il software di profilazione è molto potente ed assolutamente intuitivo. Va associato ad un colorimetro (io ho la Spyder 5, ma volendo ti vendono insieme quella di Eizo a circa 90 euro) che ti permetta di eseguire tutte le letture del colore richieste dalla procedura ed alla fine ti crei diversi profili monitor, a seconda delle tue esigenze. Vi starete chiedendo perchè si profila un monitor così figo? Proprio perchè essendo figo è necessario essere certi che i colori rappresentati siano quelli giusti. E' un po' come le responsabilità ed i poteri dei super eroi: molti poteri significa molte responsabilità. Per questi monitor è lo stesso: molti colori significa molte probabilità di fare disastri se non sei profilato bene. La procedura comunque è davvero intuitiva e porta via poco tempo. Ogni tanto va ripetuta perchè con l'uso queste periferiche tendono a stararsi leggermente, soprattutto all'inizio. Eizo suggerisce di riprofilare il monitor dopo 80 ore di utilizzo. Nel momento in cui scrivo non credo di essere arrivato a 80 ore, ma il profilo l'ho già verificato e rifatto almeno 3 volte. Ma quanti profili puoi creare? Teoricamente infiniti. Ma quanti te ne servono? Io direi almeno 3 come minimo: uno RGB full a manetta per la post produzione e la visione delle foto con il massimo dei colori, uno sRGB standard (soprattutto se usate lo stesso monitor anche per navigare su internet) ed uno di stampa con il bianco leggermente più scaldato per valutare un po' meglio le modifiche da fare al file destinato alla stampa locale. Perchè mi serve anche un profilo sRGB dato che è uno spazio colore più piccolo di quello che il monitor supporta? Semplicemente perchè sRGB è lo spazio colore ufficiale del web, per cui ogni immagine che vediamo attraverso i nostri browser, possiamo dire tranquillamente, che è in sRGB. Il problema nasce dal fatto che se guardiamo delle immagini sRGB su un monitor Adobe RGB a tutto fuoco, le vedremo IPER SATURE in quanto i colori e la saturazione rappresentabile da Adobe RGB sono molto maggiori rispetto ad sRGB, a parità di coordinate del colore. Mi spiego meglio: supponiamo di guardare un colore con queste tre coordinate RGB 100R 15G 30B . Non ho testato il colore su Photoshop, l'ho scritto a caso, ma ad occhio è un rosso più o meno tendente al blu. Supponiamo che questo colore sia all'interno di una foto sRGB che stiamo guardando su di un sito web. Quelle tre coordinate, ricercate nello spazio colore Adobe RGB, mi restituiranno un colore DIVERSO da quello che troveremo all'interno di uno spazio sRGB. Quale sarà la differenza? Potrebbe essere una leggera sfumatura, come una botta da 15 punti di saturazione. Proprio per questo, il monitor Eizo andrà settato su sRGB quando lo useremo per navigare su internet e/o per usare programmi standard di windows, mentre potremo settarlo a tutta manetta quando ci daremo dentro con Photoshop e compagnia. Ho parlato di programmi windows perchè il sistema Microsoft, tra gli altri limiti, ha anche quello di non gestire il colore in maniera ottimale, per cui non è in grado di distinguere lo spazio colore per auto regolarsi sulle informazioni da sparare al monitor (da cui la necessità di crearci i nostri 3 profili...). Su Mac invece la cosa funziona e quindi di profili ne basteranno 2: RGB a manetta e quello per la stampa. Ho fatto questa larga parentesi perchè l'acquisto di un monitor simile, oltre a dare una buona spinta alla nostra visione/post produzione di immagini, comporta alcuni accorgimenti con cui dovremo imparare a convivere. Per cui vuole fare una vita "rilassata", consiglio quindi di tenersi il proprio monitor sRGB e di non pensarci più. Personalmente posso affermare che, da quando ho iniziato ad usarlo, non tornerei indietro neanche morto! Visto che, con questo trabiccolo riesco a vedere tutti i colori che voglio, nei prossimi post, ogni tanto, farò anche qualche accenno alla gestione del colore che, haimè, è uno dei tanta argomenti molto importati collegati alla nostra passione, ma che spesso viene tralasciato per via del fatto che non è proprio semplicissimo da applicare. Concludo con un singolo voto visto che non ho altra esperienza con monitor di questa fattezza: do un bel 10+ soprattutto per il prezzo che, nonostante non sia da regalo, è davvero basso rispetto a molti altri modelli di pari fama.

Per ora, buona luce full RGB!